Ultimi post

lunedì 7 ottobre 2013

S COME SCHIACCIATA


No, non sto parlando di pallavolo, ma di cucina e precisamente di schiacciate all'uva.
Sabato ne ho preparato due, una diversa dall'altra. Non solo perchè ho usato uve di diverso colore, ma anche e soprattutto perchè si tratta di due preparazioni diverse e non sapevo proprio scegliere!


La prima, quella con l'uva nera, è una ricetta toscana che ho scovato anni fa sul forum di Cookaround.
E' simile a una focaccia con una farcia goduriosa di uva all'interno.
La seconda è una schiacciata più moderna, con un impasto molto veloce da fare, 3 minuti ed è già in forno.
Ecco le ricette:

SCHIACCIATA ALL'UVA NERA

400 gr di farina
un pizzico di sale
4 cucchiai di olio
4 cucchiai di zucchero
un lievito di birra (io ho usato il mastro fornaio di paneangeli)

Si impasta il tutto e si fa lievitare. Con 2/3 dell'impasto si tira una sfoglia sottile che si mette in una teglia unta di olio. Adesso viene il lavoro più noioso: si devono togliere i semini a 500 gr di uva, ma con un po' di pazienza...
Si mette l'uva sull'impasto appena tirato, si spolvera il tutto con 3 cucchiai di zucchero e un giro d'olio, si ricopre con l'impasto rimasto, altri chicchi d'uva (questa volta interi), altro zucchero e altro olio.
Si fa cuocere in forno a 180° per un'ora. Ed ecco il risultato!!!!




SCHIACCIATA ALL'UVA BIANCA

125 gr di zucchero
1 uovo intero
1 tuorlo
100 ml di olio
200 ml di latte
300 gr di farina
1 bustina di lievito

Si sbattono l'uovo e il tuorlo con lo zucchero, si unisce a filo l'olio e poi il latte. Si aggiunge al composto la farina e il lievito setacciati.
Si versa il tutto in una teglia ricoperta di carta forno, si mettono sopra gli acini di uva bianca e si spolverizza il tutto con lo zucchero.
Si cuoce in forno a 180°  per 35 minuti circa.




Sono veramente buone entrambe: ai giovani è piaciuta di più quella moderna, simile a una ciambella, ma quella tradizionale toscana è più gustosa perchè si sente veramente il sapore dell'uva. E si vede anche!!!!!!!!


Buon appetito, alla prossima.

Nessun commento:

Posta un commento